Quantitative easing, da assist a boomerang se il costo del denaro sale troppo senza politica economica

La lezione inglese che ha portato alla crisi del governo di Liz Truss e gli scenari continentali a seguito delle scelte della BCE di Lagarde che rischiano di consegnare fino a 4 anni di perdite nei conti economici di Francoforte e delle banche centrali della zona Euro. Il passaggio di consegne da Draghi a Lagarde, al vertice della BCE di Francoforte, ha portato in tre anni la Banca custode della moneta unica europea a perdere il patrimonio di credibilità accumulato in precedenza. Più o meno quello che potrebbe capitare, ma ci auguriamo di no, a palazzo Chigi dove tre mesi fa la crisi politica anticipata ha portato – previo passaggio elettorale popolare – l’ex due volte Banchiere centrale a cedere la campanella del Consiglio dei ministri a Giorgia Meloni.

Continua a leggere “Quantitative easing, da assist a boomerang se il costo del denaro sale troppo senza politica economica”