Manovra, scende il bonus, sale la pensione

Il leghista Giancarlo Giorgetti, come Ministro dell’economia e delle finanze, firma con un impegno di spesa di 50 miliardi di euro il decreto che stabilisce per gli assegni dell’INPS un adeguamento medio di 7 punti e mezzo all’indice del costo della vita. In tal modo viene di fatto sancita l’archiviazione di uno dei punti più controversi della legge Fornero di riforma radicale della previdenza pubblica sotto l’allora Governo Monti: il blocco della perequazione, ossia della indicizzazione delle rendite pensionistiche a partire da un importo superiore a tre volte il minimo.

Continua a leggere “Manovra, scende il bonus, sale la pensione”

Letterio Stracuzzi: la legge 3 esiste, va conosciuta correttamente e non lasciata agli avventurieri

La legge 3 del 2012, conosciuta come Legge Monti, esiste e permette al cittadino, nucleo familiare e imprenditore sovra indebitato di ottenere, nella piena legalità, l’abbattimento drastico o addirittura l’estinzione dello sbilancio finanziario che lo affligge. Addirittura, se fosse lo stesso Stato, per il tramite di un diverso atteggiamento di Governo e Parlamento, ad agevolare la consapevolezza di una tale normativa, provvedimenti come la rottamazione delle cartelle esattoriali non avrebbero più ragione di esistere, anche perché nei fatti quest’ultima misura – non a caso bisognosa di essere reiteratamente prorogata – si rivela inutile al fine di agevolare la fuoriuscita da pendenze fiscali viceversa destinate a protrarsi sine die.

Continua a leggere “Letterio Stracuzzi: la legge 3 esiste, va conosciuta correttamente e non lasciata agli avventurieri”