Tirana capitale degli Stati generali dell’export Tricolore

Domani mattina sarà celebrato l’atteso incontro plenario promosso dalla Camera di commercio Italiana in Albania e dal Forum italiano per l’export, con la partecipazione di Ambasciata, Istituzioni governative e amministrative dei due Paesi (con l’aggiunta della Repubblica di San Marino), nonché di associazioni di categoria, settore bancario e creditizio e protagonisti delle filiere di trasformazione e di commercializzazione all’ingrosso e al dettaglio.

Continua a leggere “Tirana capitale degli Stati generali dell’export Tricolore”

Edilizia, Giorgetti spegne il superbonus: rimarrà solo come credito Irpef, ma non più cedibile

Il titolare del MEF: 110 per cento? No 110 miliardi di spesa. Il superbonus al 110 per cento resisterà come detrazione individuale, ma non sarà più cedibile. Viene tuttavia stabilita una clausola di salvaguardia con l’obiettivo di condurre a buon fine le operazioni già avviate e di non pregiudicare quanto già programmato dai committenti e dalle imprese esecutrici dei lavori di riqualificazione, efficientamento e messa in sicurezza antisismica delle unità residenziali.

Continua a leggere “Edilizia, Giorgetti spegne il superbonus: rimarrà solo come credito Irpef, ma non più cedibile”

La sfida dell’Albania: nessun aumento del costo del denaro, l’economia reale sta già calmierando i prezzi

Il governatore centrale Gent Sejko, che assieme alla Ministra della cultura del governo Rama, Elva Margariti, ha più di recente celebrato il quarto compleanno del museo nazionale della Moneta – allestito nella storica sede di piazza Skanderbeg – nel corso della conferenza stampa a seguito dell’ultima riunione del direttivo della Banca centrale d’Albania ha ribadito una serie di concetti forti e sfidanti.

Continua a leggere “La sfida dell’Albania: nessun aumento del costo del denaro, l’economia reale sta già calmierando i prezzi”

L’Italia si consola con l’energia green: dalla maggiore flessibilità UE 45 miliardi entrano in corsia accelerata

Il ministro per l’ambiente e la sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, intervenendo allo studio della fondazione Enel sulla strategia elettrica e sulle prospettive per la filiera del made in Italy da qui al 2030, he delineato l’avvio di una corsa destinata a portare in dote al settore delle fonti rinnovabili una cifra complessiva che si attesta sui 45 miliardi di euro.

Continua a leggere “L’Italia si consola con l’energia green: dalla maggiore flessibilità UE 45 miliardi entrano in corsia accelerata”

Mutui in Italia: nel 2022 in calo le domande

In Italia nel 2022 sono calate le domande di mutuo. La flessione registrata è pari al 21% rispetto all’anno precedente ma salgono i volumi, che l’anno scorso hanno toccato il massimo degli ultimi anni con un importo medio di 143.000 euro circa, in crescita del 5,2%. La domanda è stata penalizzata fondamentalmente per due motivi: aumento dei tassi di interesse e minore apertura delle famiglie al ricorso al credito per via del clima di insicurezza sul fronte geopolitico e macroeconomico.

Continua a leggere “Mutui in Italia: nel 2022 in calo le domande”

Nell’anno di Tirana capitale dello sport, il sistema Italia metterà il turbo

Un prestigioso evento in Ambasciata, ospitato dal capo della nostra delegazione diplomatica dottor Fabrizio Bucci, ha consentito di ribadire il valore e l’attualità di quella speciale unione tra le due rive dell’Adriatico Ionico sarà confermata sia in pista che al volante, e in senso non soltanto metaforico.

Continua a leggere “Nell’anno di Tirana capitale dello sport, il sistema Italia metterà il turbo”

Autonomia differenziata o differenziale? Un ddl che nasce già a debito

La bozza legislativa, firmata dal ministro Calderoli e approvata nel più recente Consiglio dei Ministri riunito a palazzo Chigi, rappresenta uno dei due pilastri della complessiva riforma istituzionale sottoposta agli elettori che hanno premiato il destra-centro alle ultime Politiche; l’altro pilastro è il presidenzialismo o premierato, ancora da tradurre in una proposta di revisione costituzionale che sia riconosciuta e fatta propria dal Governo. Mentre il primo punto viene sostenuto dalla Lega di Salvini, a pochi giorni dal voto amministrativo in Lombardia e Lazio, il secondo è caro ai Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.

Continua a leggere “Autonomia differenziata o differenziale? Un ddl che nasce già a debito”

Né Ira di Biden né recovery bis di Von der Leyen: il fondo sovrano che l’Italia deve incentivare è il risparmio

In data 8 e 9 febbraio è programmato il Consiglio UE, su convocazione di Charles Michel, che dovrà decidere i provvedimenti comuni da assumere per controbilanciare gli effetti potenzialmente spiazzanti del piano Ira – Inflaction reduction act – di Joe Biden, avendo però cura di non causare lacerazioni all’interno di un fronte transatlantico con gli USA, viceversa obbligato alla massima coesione dal conflitto russo in Ucraina e dalla scelta della Cina di tornare con prepotenza industriale e commerciale sulla ribalta planetaria e di archiviare pressoché del tutto l’era del covid in parallelo con il Capodanno del Dragone asiatico.

Continua a leggere “Né Ira di Biden né recovery bis di Von der Leyen: il fondo sovrano che l’Italia deve incentivare è il risparmio”

Energia, il meccanismo taglia-bollette farà primavera: meglio tardi che mai

Il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti, preso atto che la copertura degli aiuti della manovra di bilancio si esaurirà a fine inverno, annuncia un nuovo intervento che ricalca le buone prassi seguite da Nazioni alleate come Germania e Albania. Provvedimenti che avrebbero consentito una immediata tutela delle classi medie se fossero stati adottati prima di Natale a parità di risorse impegnate.

Continua a leggere “Energia, il meccanismo taglia-bollette farà primavera: meglio tardi che mai”

Da Algeri a Tripoli, Meloni punta a sedurre il Nordafrica schierando il segugio a 6 zampe

Sulla scorta dei risultati prodotti dalla visita di Stato svolta una settimana fa nella capitale dell’Algeria, sabato la nostra Premier si è recata in Libia, assieme ai Ministri Antonio Tajani e Matteo Piantedosi e al CEO di Eni Andrea De Scalzi, per un vertice con il Capo del governo di unità nazionale riconosciuto dalla comunità delle Nazioni Unite. Sul tavolo delle intese, infine siglate, le questioni della lotta condivisa all’immigrazione irregolare che parte dalle coste libiche, e del potenziamento della capacità di produrre gas ed energia rinnovabile con cui soddisfare il fabbisogno interno e accrescere le esportazioni verso l’Europa con la benedizione di palazzo Chigi.

Continua a leggere “Da Algeri a Tripoli, Meloni punta a sedurre il Nordafrica schierando il segugio a 6 zampe”