Elezioni politiche: comunque vada deciderà la Bce

La pace fiscale rimane un passaggio ineludibile per favorire l’emersione dell’intera base economica, reddituale e patrimoniale, e per riattivare un patto leale con l’erario valevole per il futuro. Ma essa porterà in dote al massimo 70 miliardi e non subito nei primi 12 mesi di legislatura. Per questo i reali margini di manovra saranno in capo alla Eurotower di Francoforte e alle garanzie che Lagarde sarà in grado di concedere ai nostri buoni del tesoro poliennali.

Continua a leggere “Elezioni politiche: comunque vada deciderà la Bce”

La lotta all’inflazione non è sinonimo di recessione: linea dura della Fed

Jerome Powell conferma il proprio orientamento contro il rincaro dei prezzi: un tasso di carovita al 2 per cento è il nostro orizzonte. La Federal reserve ha deciso di aumentare il costo del denaro di 3 quarti di punti base. La deliberazione è stata assunta dal Governatore di Washington, Jerome Powell, con l’obiettivo di contrastare una spirale dei prezzi considerata non più controllabile con gli strumenti ordinari a disposizione di una banca centrale.

Continua a leggere “La lotta all’inflazione non è sinonimo di recessione: linea dura della Fed”

“L’educazione è il cibo di ogni società ed economia”. Bajram Begaj elogiato dalla Comunità internazionale

Al nuovo Presidente della Repubblica d’Albania le congratulazioni del Banchiere internazionale Beppe Ghisolfi: l’integrazione europea e atlantica è già un dato di fatto. Auguri da Manuale. Bajram Begaj ha prestato domenica scorsa il proprio solenne giuramento come nuovo Presidente della Repubblica d’Albania, offrendo un punto di riferimento di stabilità e di continuità altresì alla vicina Italia. Il capo dello Stato del Paese delle Aquile, che ha giurato di fronte al plenum del Parlamento nazionale e dei Diplomatici, nonché del Consiglio dei ministri di Edi Rama, ha posto una specifica ed espressa attenzione al capitolo dell’istruzione e dell’educazione come valori da applicare all’economia e alla società.

Continua a leggere ““L’educazione è il cibo di ogni società ed economia”. Bajram Begaj elogiato dalla Comunità internazionale”

Auguri America, auguri Albania: anniversario da 100 e lode

L’Ambasciatrice statunitense Yuri Kim: nel 1922, gli Albanesi hanno acceso una grande torcia sopravvissuta a sofferenze e alla tragedia comunista. Primo intervento ufficiale del nuovo Presidente della Repubblica, Bajram Begaj: “Una collaborazione e un’amicizia destinate a crescere ancora nella comune visione euro-atlantica”. Nel 1922, gli amici Albanesi hanno acceso un faro, una torcia che illumina tuttora il nostro cammino insieme.

Continua a leggere “Auguri America, auguri Albania: anniversario da 100 e lode”

Educazione finanziaria inseparabile da quella digitale: da Milano finanza gli elogi a Ghisolfi

Il prestigioso editorialista Angelo de Mattia, tra i “Visti da vicino” nel best seller del 2020 del Banchiere scrittore, sottolinea l’importanza di una innovazione tecnologica inseparabile dall’attenzione al territorio. Vi sono migliaia di piccoli e piccolissimi Comuni che in Italia rappresentano poco meno del 6 per mille della popolazione nazionale ma che costituiscono uno straordinario patrimonio di storia, traduzioni e anche di presidio geografico.

Continua a leggere “Educazione finanziaria inseparabile da quella digitale: da Milano finanza gli elogi a Ghisolfi”

Pensioni, missione di Nannicini a Tirana per portare a traguardo la diplomazia previdenziale

Domani alle 12 e 30, conferenza nella capitale albanese con il nostro Ambasciatore Fabrizio Bucci e con la funzionaria pubblica Geri Ballo promotrice di una petizione in merito in materia di ricongiungimento contributivo. Sulle pensioni, la politica e la diplomazia non vanno in vacanza. Anzi accentuano il proprio impegno congiunto per condurre a traguardo un’intesa dal rilevante impatto sociale per molte migliaia di cittadini, italiani e albanesi, che hanno svolto carriere lavorative in entrambi i Paesi ponendo la necessità oramai ineludibile del ricongiungimento contributivo affinché i diritti acquisiti pregressi siano salvaguardati a prescindere dalla Nazione prescelta di successiva residenza.

Continua a leggere “Pensioni, missione di Nannicini a Tirana per portare a traguardo la diplomazia previdenziale”

Albania-Usa, 22 Ambasciatori per cent’anni di diplomazia

Il Premier Edi Rama e la capa della diplomazia statunitense Yuri Kim in prima fila per la presentazione del libro del collega giornalista Roland Qafoku edito da Onufri. Esattamente dopo domani, 28 luglio, saranno accese a Tirana 100 candeline per celebrare l’anniversario delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti d’America e Albania. Un secolo di amicizia e di cooperazione, ripartite con vigore – e a un ritmo decisivo per il ristabilimento della democrazia liberale nel Paese delle Aquile dopo la fine del regime stalinista e i tumulti civili seguiti – dall’inizio degli anni Novanta.

Continua a leggere “Albania-Usa, 22 Ambasciatori per cent’anni di diplomazia”

“Energia priorità assoluta”: Rama nomina vicepremier la Ministra Belinda Balluku

Attuale titolare del fondamentale dicastero per le infrastrutture e i trasporti, conserverà tali deleghe e subentrerà ad Arben Ahmetaj nel ruolo di numero due del governo d’Albania. L’onorevole Balluku è impegnata in una serie di dossier strategici a carattere nazionale, macroregionale balcanico e di interesse comunitario che si intrecciano con la lotta all’emergenza energetica e con la avviata adesione del Paese delle Aquile alla UE.

Continua a leggere ““Energia priorità assoluta”: Rama nomina vicepremier la Ministra Belinda Balluku”

Per il voto anticipato spesa prevista di 400 milioni: pro e contro del futuro Parlamento a 600

La legge costituzionale che ha ridotto il numero dei rappresentanti del Popolo non ha previsto alcun meccanismo compensativo volto a garantire e rafforzare il legame tra eletto e territorio d’elezione. In America, questo problema è stato risolto regolamentando la figura del grande elettore e il ruolo delle lobbies, i cosiddetti gruppi di pressione. Quattrocento milioni di euro: è questo, in cifre ufficiose, il conto delle elezioni politiche anticipate del prossimo 25 settembre. Il calcolo deriva dalle stime dei numeri, attualizzati ai rincari odierni, della spesa globalmente sostenuta per ciascuna delle consultazioni generali del 2013 e del 2018.

Continua a leggere “Per il voto anticipato spesa prevista di 400 milioni: pro e contro del futuro Parlamento a 600”