Allarme TLC: in Europa telefonia e 5G troppo cuciti alla Via della Seta

Non solo gas russo: le dipendenze pericolose passano sì da Mosca, ma pure da Pechino. Uno studio specialistico di settore ha messo in evidenza che Paesi come Germania e Italia, ma non solo questi in ambito UE, hanno allestito il servizio 5G acquistando da Pechino la maggior parte delle tecnologie occorrenti, fornite nello specifico da Huawei. La società cinese specializzata in dispositivi per l’elettronica di consumo, spiega il dossier, avrebbe colto tutte le opportunità messe a disposizione dalle lacune contenute in una direttiva della Commissione di Bruxelles che demandava ai singoli Stati i tempi e le modalità di limitazione all’utilizzo di tecnologie importate da Paesi terzi e da soggetti classificabili come fornitori ad alto rischio per la sicurezza nazionale.

Continua a leggere “Allarme TLC: in Europa telefonia e 5G troppo cuciti alla Via della Seta”

Cina vicina? Nelle insidie concorrenziali alla Ue ora lo è di più l’America

Il ministro dell’industria e del made in Italy, Adolfo Urso, lamenta i ritardi e le disunità dell’Unione Europea sui temi energetici, che espongono il vecchio Continente a una competizione impari con l’oltre Atlantico e a una frammentazione tutta interna fra chi può, Germania, e chi non può, Italia, dedicare ampi margini di bilancio statale al contrasto dei rincari di luce e gas.

Continua a leggere “Cina vicina? Nelle insidie concorrenziali alla Ue ora lo è di più l’America”

Così l’e-commerce elettrizza la new economy nella terra delle Aquile

Debutta ufficialmente AECA, l’associazione dedicata al commercio elettronico: un volume d’affari da 110 milioni di euro destinato a decuplicarsi a vantaggio di interi settori dell’economia anche tradizionale e nella piena tutela informata del compratore, utilizzatore e consumatore finale. Dalla terra delle Aquile per spiccare il volo collegando in tempo reale il business e i nuovi mercati di destinazione alle varie latitudini del mondo, e offrire nello stesso momento ampie e dinamiche tutele al consumatore, compratore e utilizzatore finale del prodotto offerto e commercializzato attraverso internet.

Continua a leggere “Così l’e-commerce elettrizza la new economy nella terra delle Aquile”

Approvata in CSR maggiore flessibilità sui progetti OCM vino verso Russia, Ucraina e Cina

È stata raggiunta l’intesa in Conferenza Stato-Regioni sul decreto, proposto dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli, che concede una maggiore flessibilità nella gestione dei progetti di promozione dell’OCM vino in Russia, Bielorussia, Ucraina e Cina per il 2021-2022. In particolare, vengono concesse possibili variazioni al ribasso, fino all’azzeramento totale del budget, per quei progetti destinati ai Paesi interessati dal conflitto russo-ucraino e alla Cina a causa delle nuove misure adottate per il contenimento del Covid-19, e viene data la possibilità di rimodulare le risorse verso altri Paesi già inclusi nel progetto approvato.

Continua a leggere “Approvata in CSR maggiore flessibilità sui progetti OCM vino verso Russia, Ucraina e Cina”

Benvenuto, Mondo! L’Albania inaugura le Settimane internazionali: oggi gran debutto con la Francia

Benvenuto, Mondo! Un calendario prestigioso e ricco di eventi e appuntamenti pubblici che gioiosamente animeranno i quartieri della Capitale Tirana e di altri centri rappresentativi dell’Albania. Il Paese delle Aquile si prepara infatti, oggi, a inaugurare il programma delle Settimane internazionali, che daranno spazio a 17 Paesi di tutti i Continenti e alla stessa UE come Istituzione unitaria. La presentazione del fitto palinsesto è avvenuta nel palazzo della presidenza del Consiglio dei ministri attraverso una conferenza stampa presieduta dal Premier Edi Rama e dalla ministra per i beni culturali Elva Margariti.

Continua a leggere “Benvenuto, Mondo! L’Albania inaugura le Settimane internazionali: oggi gran debutto con la Francia”

Benvenuto Mondo! Tirana capitale dei giovani e del dialogo culturale ovest-est. Edi Rama: cultura significa dialogo, fratellanza, sviluppo

Grande spettacolo pirotecnico e di bandiere ieri sera nella centrale piazza Skanderbeg della capitale albanese: questa settimana protagonista è la Francia. Passeggiando per le vie e i boulevard del centro di Tirana, a sventolare – assieme alle bandiere della Capitale europea della gioventù – sono i tricolori Blu-Bianco-Rosso che identificano la Francia. Una Francia – presidente di turno della UE fino al 30 giugno – che, dopo l’esito delle recentissime elezioni presidenziali, conferma e consolida il proprio europeismo e orientamento favorevole all’Albania e ai Balcani occidentali.

Continua a leggere “Benvenuto Mondo! Tirana capitale dei giovani e del dialogo culturale ovest-est. Edi Rama: cultura significa dialogo, fratellanza, sviluppo”

Il ritorno del rublo al ruggito sui mercati dei cambi valutari: perché

Il regime putiniano, sebbene fortemente provato dalle sanzioni tecnologiche e finanziarie disposte dall’Occidente, è fin qui riuscito a reggere l’urto delle stesse dando seguito alle raccomandazioni della Banca centrale russa. Alla radice di tutto, la non dichiarata volontà delle economie trainanti dell’Ovest, a partire da quella tedesca, di non rinunciare agli approvvigionamenti di idrocarburi provenienti dall’ex URSS.

Continua a leggere “Il ritorno del rublo al ruggito sui mercati dei cambi valutari: perché”

Disastro Shanghai, la Cina è vicinissima: in Europa e Occidente a rischio blocco il 40% delle industrie

Il lockdown totale imposto dalle autorità di Pechino nei confronti dei 26 milioni di abitanti della megalopoli del Dragone, per cercare (invano) di azzerare l’ondata di contagi in corsa, probabilmente dovuti alla nuova variante omicron del coronavirus, sarebbe di certo la notizia dominante nell’informazione del Mondo intero, se non fosse per la guerra russa in Ucraina che monopolizza le cronache. Eppure, l’impatto sulle economie occidentali rischia e minaccia di essere non meno devastante e diffuso lungo tutte le filiere e catene di creazione del valore industriale e commerciale.

Continua a leggere “Disastro Shanghai, la Cina è vicinissima: in Europa e Occidente a rischio blocco il 40% delle industrie”

Dopo lo Swift, il Wto? Che cosa vorrebbe dire per la Russia perdere lo status di Nazione favorita nel Commercio mondiale?

Dopo lo Swift, un secondo fronte di esclusione della federazione Russa dalle dinamiche economiche globali potrebbe materializzarsi alla voce del Wto. Di che si tratta? Dell’organizzazione mondiale del commercio – in inglese world trade organization -, una comunione associativa che riunisce 164 entità partecipanti tra Stati e unioni doganali, con l’obiettivo di integrare i Paesi di sviluppo e le economie emergenti nelle possibilità messe a disposizione dai mercati occidentali a fronte del rispetto e della osservanza di minime condizioni ambientali, sociali, lavorative e umanitarie secondo standards pacificamente accettati.

Continua a leggere “Dopo lo Swift, il Wto? Che cosa vorrebbe dire per la Russia perdere lo status di Nazione favorita nel Commercio mondiale?”