Gestione crisi Ucraina, tandem USA-Albania alle Nazioni Unite

Mimi Kodheli, ministro della difesa nel primo governo Rama, attualmente vicepresidente dell’assemblea parlamentare della NATO: “La sfida chiama all’appello l’intera UE”. Nel contesto delle Nazioni Unite e del Consiglio di sicurezza dell’ONU, di cui l’Albania fa parte da quest’anno, il Paese delle Aquile agirà in tandem con gli Stati Uniti d’America assumendo la co-presidenza nella gestione della crisi Ucraina.

Continua a leggere “Gestione crisi Ucraina, tandem USA-Albania alle Nazioni Unite”

La Ue, il colosso dai piedi d’argilla franato di fronte alla nuova guerra “calda”

“Russi e Americani, col potere tra le mani, rischiamo tutti la pelle”: erano gli anni ottanta del secolo scorso, alcuni di noi giovanissimi o non ancora nati, e a Sanremo e tra gli appassionati di musica italiana leggera spopolava Toto Cutugno con la canzone “Figli” che conteneva questo passaggio molto importante, quasi tristemente profetico, sull’importanza di educare le nuove generazioni a crescere – come cittadini, famiglie e comunità – isolando l’odio, le divisioni, i conflitti.

Continua a leggere “La Ue, il colosso dai piedi d’argilla franato di fronte alla nuova guerra “calda””

Nuova guerra fredda USA – Russia: e se cambiassimo nome alla Nato?

Nelle prossime ore la diplomazia tedesca del nuovo cancellierato di centrosinistra, guidato da Olaf Scholz, potrebbe essere decisiva, complice lo sblocco del gasdotto Nord stream 2, potrebbe essere decisiva al fine di sventare un conflitto non utile a nessuno, dannoso soprattutto per il leader del Cremlino. La nostra vuole, in questa sede, essere una sorta di provocazione di tipo semantico: finalizzata non a sdrammatizzare, non è questa la sede, ma semmai a mettere in evidenza un particolare più importante di quel che sembra. E se alla fin fine fosse soltanto una questione nominalistica risolvibile cambiando nome alla NATO al fine di rendere l’alleanza Atlantica più inclusiva e meno legata alla memoria storica di un muro di Berlino al di là del quale c’era quel patto di Varsavia crollato oltre trent’anni fa assieme all’Unione sovietica e in contraltare al quale, appunto, si era dato vita, tra Washington e Bruxelles, al trattato di difesa Nord Atlantica?

Continua a leggere “Nuova guerra fredda USA – Russia: e se cambiassimo nome alla Nato?”

BCE e FED, le due banche centrali continentali unite (e divise) dall’inflazione

Mentre in America il tasso di aumento del costo della vita è un effetto dei maggiori consumi trainati da aumenti salariali determinati dalla produttività, in Europa la crescita dei prezzi è causata dal rincaro delle materie prime e dell’energia, a scapito di retribuzioni regressive. Sullo sfondo, il graduale disimpegno della Eurotower dai piani straordinari di acquisto massivo delle obbligazioni soprattutto statali, sebbene la politica sui tassi di interesse resterà accomodante per non intralciare la ripresa favorita dall’impiego dei fondi del Pnrr. Federal reserve a Washington, Banca centrale europea a Francoforte, così distanti ma così vicine, unite e allo stesso tempo divise sull’inflazione che ha oramai rialzato la testa sia al di qua che al di là dell’oceano Atlantico.

Continua a leggere “BCE e FED, le due banche centrali continentali unite (e divise) dall’inflazione”