La Russia continua la stretta sulle banche straniere

Dopo il decreto che in estate preannunciava un divieto temporaneo delle cessioni di asset finanziari occidentali, nei giorni scorsi il governo russo guidato da Vladimir Putin ha reso noto la lista dei 45 istituti colpiti dal provvedimento. In questa lista purtroppo ci sono le italiane Unicredit e Intesa Sanpaolo.

Continua a leggere “La Russia continua la stretta sulle banche straniere”

Dai Balcani alla Costa Azzurra, diplomazia culturale e finanziaria decisiva per sviluppo da Manuale

La conoscenza, sul piano economico-finanziario e storico-geografico, di Paesi sia limitrofi che in apparenza più distanti, dimostra che possono essere messe in moto relazioni e partenariati in precedenza non immaginabili. Il caso dell’educazione finanziaria promossa dal Banchiere internazionale e scrittore Professor Beppe Ghisolfi, nell’ambito di momenti condivisi con gli Ambasciatori Fabrizio Bucci in Albania e Giulio Alaimo nel Principato di Monaco, conferma che gli obiettivi a cui tendere sono omogenei e del tutto compatibili e anzi sostengono la cooperazione europea e mediterranea tra Paesi UE e Paesi in adesione o associazione alle UE, come appunto Tirana sull’Adriatico e Monaco sulla Costa Azzurra.

Continua a leggere “Dai Balcani alla Costa Azzurra, diplomazia culturale e finanziaria decisiva per sviluppo da Manuale”

La Fed ha provveduto ad alzare il tasso sui fondi federali di 75 punti base

Malgrado l’annunciata frenata della spesa e della produzione la Fed ha provveduto ad alzare il tasso sui fondi federali di 75 punti base, rispettando le previsioni degli addetti ai lavori. Il nuovo range è 2,25-2,5%, deliberato con voto unanime. Nessuna reazione turbata sui mercati, che avevano anticipato la decisione. “I recenti indicatori di spesa e produzione si sono mitigati. Malgrado ciò, negli ultimi tempi l’aumento dei posti di lavoro è stato consistente e il tasso di disoccupazione è rimasto basso, si legge nel comunicato del Fomc, “l’inflazione rimane alta, a causa degli squilibri della domanda e dell’offerta legati alla pandemia, all’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia e a pressioni più ampie sui prezzi”.

Continua a leggere “La Fed ha provveduto ad alzare il tasso sui fondi federali di 75 punti base”

La lotta all’inflazione non è sinonimo di recessione: linea dura della Fed

Jerome Powell conferma il proprio orientamento contro il rincaro dei prezzi: un tasso di carovita al 2 per cento è il nostro orizzonte. La Federal reserve ha deciso di aumentare il costo del denaro di 3 quarti di punti base. La deliberazione è stata assunta dal Governatore di Washington, Jerome Powell, con l’obiettivo di contrastare una spirale dei prezzi considerata non più controllabile con gli strumenti ordinari a disposizione di una banca centrale.

Continua a leggere “La lotta all’inflazione non è sinonimo di recessione: linea dura della Fed”

Josh Frydenberg si unisce a Goldman Sachs come consigliere regionale senior per l’Asia del Pacifico

Goldman Sachs ha annunciato la nomina di Josh Frydenberg a consigliere regionale senior per l’Asia del Pacifico. Josh ha avuto una illustre carriera politica in Australia, di recente servendo come Tesoriere Federale, dove è stato ampiamente riconosciuto per la sua efficace gestione e leadership dell’economia del paese durante la pandemia di COVID-19.

Continua a leggere “Josh Frydenberg si unisce a Goldman Sachs come consigliere regionale senior per l’Asia del Pacifico”

Federal Reserve: giuramento di Michael S. Barr

Michael S. Barr ha prestato giuramento come vicepresidente per la supervisione e membro del consiglio dei governatori del sistema della Federal Reserve. Il giuramento è stato amministrato dal presidente Jerome H. Powell nella sala conferenze stampa dell’edificio Martin del consiglio di amministrazione.

Continua a leggere “Federal Reserve: giuramento di Michael S. Barr”

Dio (e i mercati) salvi Lady euro

L’Europa comunitaria si appresta a entrare in una economia di guerra nel peggiore degli scenari. La locomotiva tedesca non ha letteralmente più carbone da ardere nella caldaia necessaria alla trazione della sua poderosa industria, e la venuta meno dell’operatività del Nord stream appare troppo repentina per essere nel breve periodo sostituita da altre infrastrutture di approvvigionamento di idrocarburi o loro sostituti. Le associazioni delle municipalità della Germania federale hanno lanciato l’ipotesi di un drastico razionamento nei consumi elettrici estivi, poiché questo sarebbe il solo modo per recuperare un polmone di energia per una stagione invernale densa di incognite.

Continua a leggere “Dio (e i mercati) salvi Lady euro”

Ci siano più aggregazioni tra le banche europee

Maggiori fusioni delle banche del nostro Vecchio Continente potrebbero far alzare i loro livelli di competitività. Le banche fuori l’Europa, soprattutto quelle americane e asiatiche, sono dei mostri colossali e competere con loro è veramente complicato, nonostante le banche europee siano già solide e autorevoli. Ma sarebbe fondamentale rafforzare e migliorare i vari gruppi bancari in una logica continentale per renderli più competitivi in un mercato non solo nazionale, ma bensì internazionale. Perché no magari anche a livelli globali.

Continua a leggere “Ci siano più aggregazioni tra le banche europee”

14 luglio francese a Tirana: gli auguri di Beppe Ghisolfi e Luca Baravalle all’Ambasciatrice Elisabeth Barsacq

Il Banchiere internazionale e l’imprenditore agroindustriale dal Piemonte si sono recati a fine maggio in missione nella capitale albanese onorando la sede diplomatica d’oltralpe. In data 14 luglio, l’Ambasciata della Francia in Albania celebrerà, presso il palazzo della brigate sulla collina panoramica della capitale Tirana, la festa nazionale della Repubblica d’oltralpe.

Continua a leggere “14 luglio francese a Tirana: gli auguri di Beppe Ghisolfi e Luca Baravalle all’Ambasciatrice Elisabeth Barsacq”

Inghilterra: Boris Johnson si dimette dal Partito Conservatore

Il primo ministro inglese Boris Johnson in un discorso alla nazione ha annunciato le dimissioni al ruolo di leader del partito di governo, ruolo che gli era valso di diritto la poltrona di quattordicesimo primo ministro del lungo regno di Elisabetta II. Johnson però ha reso noto che per il momento resterà a Downing Street, dove ha ricostituito con nomine crepuscolari almeno il consiglio di gabinetto, sino alla conclusione dell’iter per l’elezione in seno alla parrocchia Tory di chi gli succederà.

Continua a leggere “Inghilterra: Boris Johnson si dimette dal Partito Conservatore”