Deutsche Bundesbank: acquisizione di attività finanziarie e finanziamenti esterni in Germania nel terzo trimestre del 2022

Prosegue il calo delle attività finanziarie delle famiglie. Nel terzo trimestre del 2022 le attività finanziarie delle famiglie sono diminuite per la terza volta consecutiva a causa delle persistenti perdite di valutazione. Una fase di crescita negativa delle attività finanziarie di durata superiore a questa si è verificata l’ultima volta durante la crisi finanziaria globale. Alla fine del terzo trimestre del 2022 le attività finanziarie delle famiglie ammontavano a 7.475 miliardi di euro. Sebbene le famiglie abbiano accumulato crediti per un importo di 65 miliardi di euro, questo accumulo di attività non ha compensato le loro perdite da valutazione di circa 88 miliardi di euro.


A conti fatti, le attività finanziarie sono diminuite di 23 miliardi di euro. Attività finanziarie delle famiglie. I crediti pensionistici e assicurativi detenuti dalle famiglie hanno registrato la perdita di valore maggiore, pari a 43 miliardi di euro. Per contro si registrano perdite di quotazione anche per azioni e altre partecipazioni (28 miliardi di euro), quote di fondi comuni di investimento (21 miliardi di euro) e titoli di debito (3 miliardi di euro). Nel complesso, tuttavia, le perdite di valutazione sono state inferiori rispetto al secondo trimestre del 2022.

Con 65 miliardi di euro, l’incremento delle attività finanziarie totali trainato dalle transazioni è stato significativamente inferiore alla media degli ultimi cinque trimestri. Le famiglie hanno nuovamente aumentato significativamente le proprie disponibilità di valuta e depositi di 36 miliardi di euro, ma hanno acquistato volumi molto inferiori di azioni e quote di fondi di investimento rispetto al trimestre precedente, rispettivamente a 4 e 5 miliardi di euro. È proseguita, invece, la lieve tendenza al rialzo degli acquisti di titoli di debito.

Le passività delle famiglie hanno continuato ad aumentare, attestandosi a 2.118 miliardi di euro alla fine del trimestre in esame. Si tratta di 29 miliardi di euro in più rispetto al secondo trimestre. Anche così, il rapporto debito/PIL è rimasto invariato al 55,8%, a causa dell’aumento della produzione aggregata nel terzo trimestre. Il rapporto debito/PIL rappresenta il debito come percentuale del prodotto interno lordo nominale (somma mobile di quattro trimestri). Nel complesso, anche le attività finanziarie nette delle famiglie sono diminuite per la terza volta consecutiva, attestandosi a 5.357 miliardi di euro.

L’indebitamento delle società non finanziarie raggiunge il livello più alto dal 2000
Nel terzo trimestre del 2022, il finanziamento esterno delle società non finanziarie è aumentato notevolmente a 115 miliardi di euro. Ciò è dovuto principalmente all’elevato livello di indebitamento, che, con 83 miliardi di euro, ha raggiunto il livello più alto dal quarto trimestre del 2000. L’indebitamento è stato correlato in parte ai prestiti di assistenza del governo alle imprese energetiche, ma è stato anche notevolmente positivo per il resto. Con un volume di finanziamento complessivo di 27 miliardi di euro, le amministrazioni pubbliche sono state il principale finanziatore. Le società non finanziarie hanno preso in prestito 25 miliardi di euro da istituzioni finanziarie monetarie nazionali. Il terzo trimestre del 2022 ha visto anche l’offerta pubblica iniziale di Porsche AG. Ciò ha comportato un volume di emissione più elevato di azioni quotate. Il patrimonio netto di Porsche AG era precedentemente registrato come azioni non quotate, il che significa che c’è stato un calo di questa cifra.

Il finanziamento esterno delle società non finanziarie ha quindi ulteriormente accelerato in termini annuali (somme mobili di quattro trimestri). Anche questo è stato in gran parte attribuibile a un elevato livello di indebitamento. Allo stesso modo, le cifre elevate del finanziamento esterno sono state viste l’ultima volta all’inizio degli anni 2000.

Contributi al finanziamento esterno delle società non finanziarie. Alla fine del terzo trimestre del 2022, le attività finanziarie delle società non finanziarie si attestavano a 6.221 miliardi di euro, ovvero 124 miliardi di euro in più rispetto al trimestre precedente. Le operazioni hanno spinto verso l’alto le attività finanziarie di 68 miliardi di euro. Le transazioni in valuta e depositi sono state eccezionalmente elevate, raggiungendo un nuovo massimo a 51 miliardi di euro.

Proprio come le famiglie, le società non finanziarie hanno subito perdite di valore sulle azioni e altri titoli di capitale che detenevano (35 miliardi di euro). Tuttavia, l’andamento negativo delle borse ha inciso anche sulle passività delle società non finanziarie. Per la terza volta consecutiva, le azioni e gli altri titoli di capitale emessi hanno registrato perdite da valutazione (155 miliardi di euro). A causa del forte aumento dei finanziamenti esterni, le passività delle società non finanziarie sono infine lievemente aumentate, attestandosi a 7.780 miliardi di euro alla fine del trimestre.

A causa di queste maggiori passività, il rapporto debito/PIL è salito all’81,1% ed è quindi più o meno al livello degli ultimi 2 anni. Il rapporto debito/PIL è calcolato come somma di prestiti, titoli di debito e fondi pensione in percentuale del prodotto interno lordo nominale (somma mobile di quattro trimestri).

Complessivamente, le attività finanziarie nette delle società non finanziarie sono leggermente aumentate a -1.559 miliardi di euro alla fine del trimestre. Le acquisizioni nette di attività finanziarie sono state pari a -48 miliardi di euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...