Il complesso tema dei pagamenti

La discussione sul nuovo tetto al contante e l’abolizione delle multe per il mancato rispetto dell’obbligo del Pos per i nostri esercenti hanno imposto l’attenzione nel nostro Paese sul tema dei pagamenti. Il settore è in grande fermento: crescono i pagamenti in tempo reale e quelli digitali, in un contesto di aumentata competizione tra Istituti di Credito, Fintech e colossi della tecnologia. In base all’analisi condotta da Deloitte, ad oggi i maggiori trend nel settore dei pagamenti si dividono in quattro categorie, tutte riferibili alla tecnologia digitale.

Nel 2023 ci sarà un forte sviluppo dei pagamenti in tempo reale, spinti sia dalle preferenze degli utenti che dai bisogni che ne determineranno la divulgazione. Una modalità in cui essi verranno impiegati nel settore dei pagamenti B2C è il supporto ai pagamenti istantanei per i lavoratori a chiamata, occasionali e temporanei che sino a poco tempo fa dovevano aspettare i tradizionali 14 giorni per i pagamenti.

In circostanze dove molti lavoratori non possono accedere ai rapporti bancari l’utilizzo dei pagamenti in ‘real time’ ha un potenziale più significativo per assicurare l’inclusione finanziaria. L’utilizzo dei pagamenti in tempo reale è quindi previsto in costante crescita grazie soprattutto alla trasformazione della tecnologia di riferimento e alla creazione di connessioni digitali ed alla gestione dei permessi tra utenti finali, applicazioni o dispositivi, tutti indicati a livello virtuale come nodi ( la cosiddetta rete di overlay).

La blockchain permetterà di potenziare i casi d’uso in essere e di incoraggiare la crescita di nuovi casi d’uso, come le transazioni verso la PA o quelli nel settore insurance. L’utilizzo di pagamenti digitali e senza contatto (contactless) è decisamente cresciuto nel corso della pandemia, tant’è che oggigiorno gli utenti hanno più possibilità di compiere operazioni diverse dall’utilizzo del contante o pagamenti tramite POS, come i pagamenti a mezzo app o soluzioni di pagamento elettronico che consentono il trasferimento di fondi tra due soggetti, un pagatore ed un beneficiario, in modo istantaneo. Un altro trend è l’identità digitale, strumento che agevola i pagamenti digitali, minimizza i rischi e crea fiducia nell’utilizzo di informazioni personali per convalidare le transazioni.

Dott. Francesco Megna
La sua forte espansione riguarderà sia l’ambito dei pagamenti che altri fattori, quali la verifica dei clienti che si spostano da un canale di vendita all’altro, il miglioramento di prodotti e servizi, i nuovi flussi di reddito ed il posizionamento strategico. La digitalizzazione di una parte delle valute invece può consentire nuove opportunità di ricavi per le imprese. La combinazione tra le tecnologie messe in campo dalle fintech con gli altri operatori di mercato e le nuove valute digitali costringerà le imprese ad adeguare i loro sistemi operativi per tenere il passo. Proseguiranno le ricerche e i progetti pilota focalizzati sulle valute digitali anche se gli sviluppi potrebbero non essere celeri.

Il processo di innovazione digitale recentemente decollato induce le autorità preposte alla regolamentazione a fornire la trasparenza essenziale su accessibilità, operatività e servizi essenziali. Anche le transazioni digitali prevedono risposte normative precise, specialmente quando riferibili a transazioni internazionali. Ci si attende quindi una maggiore collaborazione tra tutti gli attori nella realizzazione e nella tutela di prodotti e servizi nuovi attraverso l’implementazione di direttive e ricerche correlate ai requisiti di legge.

Francesco Megna

Referente commerciale in Banca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...