In Albania da ieri le start up sono legge di Stato, la Ministra Edona Bilali ai giovani: “Portate qui le vostre idee innovative di business”

Il provvedimento è stato firmato ieri dal Presidente della Repubblica che ha autorizzato la sua pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del Paese delle Aquile. La legge Bilali sulle start up e sulle nuove imprese innovative e giovanili è da oggi a tutti gli effetti una legge della Repubblica d’Albania. Il Capo dello Stato ha infatti apposto la propria firma sul provvedimento autorizzando la pubblicazione dello stesso sulla Gazzetta ufficiale del Paese delle Aquile.

La Ministra del Governo Rama, esprimendo massima contentezza per questo passaggio a conclusione di una procedura legislativa sempre contrassegnata da trasversalità di consensi politici parlamentari, annuncia dunque l’avvio della fase in cui saranno rapidamente assunti gli atti normativi e regolamentari di attuazione e applicazione di una normativa di portata storica dedicata all’accoglienza, tutoraggio e sviluppo delle idee imprenditoriali e di business a forte valore aggiunto e ritorno di mercato in settori come sostenibilità, digitalizzazione di beni e servizi, inclusione sociale e promozione culturale in ogni campo dell’economia.

La legge sarà resa operativa attraverso una successione di bandi annuali che nel primo quadriennio di applicazione metteranno a disposizione dieci milioni di euro con l’obiettivo di accrescere il sistema delle garanzie e dei cofinanziamenti utili a permettere alle start-up e ai loro tutor e facilitatori – iscritti nei rispettivi registri informatici gratuiti di prossima attivazione – di accedere alle opportunità di sostegno, aiuto e incentivo previste a livello locale, nazionale, europeo.

Nei prossimi articoli approfondiremo ogni aspetto indirizzato a chi, anche non residente e lavoratore o professionista digitale, intenda collocare la propria idea, o il proprio progetto, brevetto o marchio, nell’ecosistema delle start-up, del quale entreranno a fare parte scuole ordinarie, professionali, università, laboratori di ricerca, enti e associazioni con le rispettive piattaforme e con programmi di formazione digitale, economico finanziaria, manageriale per trasformare una buona intuizione di business in un piano di attività e di investimenti materiali e immateriali ben strutturato, coordinato e consapevole e capace di rivolgersi nella maniera giusta ai mercati.

L’editoriale di A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...