Borrell da Tirana: l’Ue aiuterà i Paesi Balcanici a contrastare gli effetti economici dell’emergenza bellica in Ucraina

Oggi a Tirana, il Vicepresidente della Commissione europea Joseph Borrell è stato in visita ufficiale presso il Governo albanese, incontrando il Primo Ministro Edi Rama e la Ministra degli affari esteri Olta Xhacka. L’alto rappresentante della politica internazionale di Bruxelles ha elogiato il ruolo dell’Albania nella promozione e gestione delle iniziative con le quali il Paese delle Aquile ha condiviso le decisioni europee e occidentali intese a isolare la Russia di Putin e a solidarizzare con il Popolo ucraino agevolando azioni di accoglienza diretta e di facilitazione nella spedizione di forniture umanitarie.

Copertina del nuovo bellissimo libro di Beppe Ghisolfi

Joseph Borrell, nel corso di una conferenza stampa congiunta con Edi Rama subito dopo lo svolgimento dei summit con i dicasteri interessati e con la delegazione diplomatica coordinata dal dottor Luigi Soreca, ha sottolineato come gli effetti economici e sociali dell’emergenza bellica del conflitto russo ucraino comincino a farsi sentire in Occidente, e quindi nei Paesi della macroregione balcanica.

Il vicepresidente della UE Joseph Borrell ha elogiato il Premier Edi Rama per il grande lavoro di solidarietà alle politiche europee e occidentali a fianco dell’Ucraina e contro il regime putiniano, annunciando ulteriori interventi contro l’inflazione energetica e alimentare

Esprimendo il plauso nei confronti delle recentissime misure fiscali messe in atto dal governo di Tirana per assicurare la coesione collettiva venendo incontro alle categorie più colpite dai rincari a cascata sulle materie prime e sulle forniture energetiche e alimentari, il vicepresidente europeo Borrell ha annunciato che il piano di emergenza della UE, destinato a integrare gli strumenti già esistenti di Next generation e recovery fund, metterà a disposizione di Albania e Paesi confinanti della macroregione gli aiuti occorrenti a neutralizzare la spirale inflazionistica, a calmierare i prezzi all’ingrosso e al consumo, a incentivare e accelerare il cammino di diversificazione delle fonti di energia e di produzione di cibo.

Il vice di Ursula von der Leyen ha infine spiegato che questo momento è più che mai di vitale importanza per mettere fine al periodo storico che ha condotto i Balcani a dividersi per zone di influenza esogena, in modo da indicare nel loro cammino presente e futuro l’ingresso armonico nella famiglia comune Europea.

L’editoriale di A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...