Prete: dopo Tirana, gli Ambasciatori per la Pace saranno protagonisti anche in Francia

Il cancelliere per l’Europa della WOA ha ratificato l’accordo a Parigi, designando Afane Afane Jean Pierre quale figura diplomatica di riferimento. Una designazione che assume un valore morale rinforzato, e che va ben oltre la carica simbolica assumendo un peso specifico sostanziale, quella che è stata ufficializzata la settimana scorsa a Parigi. Nella capitale francese si è infatti recato in missione Giuseppe Prete, cancelliere europeo per la WOA, l’organizzazione mondiale degli Ambasciatori per la Pace, per autorizzare gli atti formali e di merito necessari all’apertura della sede dell’organizzazione nel territorio d’oltralpe.

Messaggio promozionale: il nuovo libro di Beppe Ghisolfi è già in vendita

La ratifica dei documenti è stata compiuta con l’assistenza del delegato per la Germania Arcivescovo Gino Collica, e ha condotto alla nomina di Afane Afane Jean Pierre come responsabile della sezione diplomatica che farà capo a Parigi. La cerimonia ha permesso di svolgere alcune doverose considerazioni in ordine alla drammatica situazione umanitaria europea conseguente al conflitto russo ucraino e a quanto sta avvenendo ai confini dell’Unione Europea.

“Riteniamo – ha dichiarato Prete – che il dialogo interreligioso sia tanto importante quanto il dialogo politico per poter sviluppare un serio ed efficace percorso negoziale funzionale a riattivare la diplomazia della Pace attraverso il risveglio delle coscienze di chi ha il potere di fare tacere la armi una volta per tutte. Le sanzioni devono essere indirizzate in maniera chirurgica a colpire gli interessi del regime oligarchico e putiniano, mentre allo stato attuale a pagarne il prezzo rischiano di essere famiglie e imprese già stremate, e questo non va permesso”.

Care Lettrici delle Banche d’Italia, con il simbolo dell’Aquila d’Albania a due teste, simbolo di fratellanza tra Ovest ed Est, e con le ali eccezionalmente dispiegate a mimosa, la Redazione augura buona settimana internazionale della Donna, con il cuore volto all’Ucraina e alle vittime di violenza

La WOA, attraverso il coordinamento messo in atto da Giuseppe Prete e con l’ausilio di volenterosi delegati come l’imprenditore Jacopo Dozio, attivo sia in Italia che in Albania, e gli amici Angelo Beltrama e Alfio Colavecchio, ha promosso una raccolta di aiuti e generi di prima necessità raccolti in una importante e poderosa fornitura che sarà inviata alle famiglie ucraine in fuga dalle bombe russe. Si tratta, soprattutto in questa prima fase, di corredi termici per evitare il rischio gravissimo e incombente di assideramento.

A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...