Esempi da Manuale: il caso della legge regionale del Veneto

La legge regionale numero 17/2018, promulgata dal Governatore del Veneto Luca Zaia e gestita dall’assessore, con delega alla formazione e istruzione, Elena Donazzan, istituisce la Settimana dell’educazione finanziaria in collaborazione con l’ufficio scolastico regionale (l’ex provveditorato agli studi) e con la fondazione competente Feduf di diretta emanazione dell’ABI. Delega inoltre alla società Veneto Sviluppo, ente strumentale della Regione preposto alla gestione e assegnazione dei fondi e delle risorse affidate al Veneto per il sostegno e l’incentivazione delle attività imprenditoriali nei vari settori dell’economia, la messa a punto delle iniziative per concorrere al miglioramento continuo della struttura finanziaria delle piccole e medie aziende e del rapporto tra queste e il settore degli istituti di credito.

Messaggio promozionale: il nuovo libro di Beppe Ghisolfi è già in vendita

A oggi, come evidenziato nel corso della riunione di inizio anno della commissione del Consiglio regionale incaricata di valutare la qualità della legislazione attraverso il raffronto tra gli obiettivi enunciati dalla normativa e i risultati conseguiti, l’applicazione delle disposizioni della legge numero 17/2018 ha permesso di coinvolgere, nelle attività di sensibilizzazione sui temi teorici e pratici dell’economia e della finanza, 22.500 cittadini, 8700 studenti e 2600 realtà imprenditoriali del Veneto.

Beppe Ghisolfi con l’assessore della giunta Zaia, Elena Donazzan, alla quale compete la gestione e applicazione della legge regionale del Veneto in vigore dal 2018 per la promozione istituzionale e sociale generalizzata dell’educazione finanziaria su tutto il territorio della Regione

Nell’autunno del 2019, a Venezia nel contesto di un evento realizzato da Regione e Feduf assieme all’ateneo Ca’ Foscari, il Professor Beppe Ghisolfi è stato ospite e relatore con l’assessore Donazzan ricordando l’importanza di istituzionalizzare l’educazione e l’alfabetizzazione finanziaria con atti normativi di portata generale e tali da essere recepiti nei sistemi scolastici e nelle relazioni banca-impresa.

Di seguito, pubblichiamo il testo integrale del provvedimento in vigore dal 2018 nella Regione del Veneto.

Art. 1
Finalità.

1. La Regione del Veneto, in armonia con i principi fondamentali di cui agli articoli 3 e 47 della Costituzione e le politiche europee a tutela dei consumatori, nell’esercizio delle competenze regionali in materia di istruzione, formazione e tutela del consumatore di cui all’articolo 117 della Costituzione e in attuazione dei principi di cui all’articolo 6 dello Statuto, concorre alla crescita della comunità regionale, con la promozione ed il sostegno di iniziative finalizzate all’educazione economica e finanziaria, rivolte alla cittadinanza, alle scuole di ogni ordine e grado ed alle imprese.

Art. 2
Definizione.

1. Per educazione economica e finanziaria s’intende il processo attraverso il quale i soggetti, potenziali o attuali consumatori finanziari, acquisiscono o migliorano la propria comprensione di nozioni di economia e finanza e la propria conoscenza di prodotti finanziari, attraverso l’informazione, l’istruzione e una consulenza adeguata ed oggettiva, sviluppando le capacità necessarie ad acquisire consapevolezza dei rischi e delle opportunità finanziarie ed assumere scelte informate.

Art. 3
Azioni regionali per la promozione dell’educazione economica e finanziaria.

1. La Regione, in collaborazione con gli enti locali, l’università ed altri soggetti pubblici o privati, predispone ed attua progetti di educazione economica e finanziaria di qualità volti al benessere economico dei cittadini, per la realizzazione di programmi di educazione finanziaria coerenti sia con le attuali e potenziali disponibilità di risorse che con le necessità economiche di indebitamento, protezione assicurativa, investimento, previdenza, conformi alle norme tecniche di educazione finanziaria di qualità ISO e UNI.
2. I progetti di educazione economica e finanziaria di qualità di cui al comma 1 sono rivolti a categorie di cittadini definite e sono finalizzati a fornire abilità e strumenti culturali che consentano di:
a) prevenire situazioni problematiche, per la realizzazione di progetti di vita in condizioni di stabilità economica, finanziaria e patrimoniale;
b) valutare la professionalità degli operatori del mercato, riconoscere la qualità della consulenza e delle informazioni fornite, valutare criticamente le offerte di prodotti, in funzione di protezione, investimento, pensione, indebitamento.
3. A tutela dei consumatori e degli utenti, la Regione concede finanziamenti a favore delle associazioni iscritte al registro regionale di cui all’articolo 5 della legge regionale 23 ottobre 2009, n. 27 “Norme per la tutela dei consumatori, degli utenti e per il contenimento dei prezzi al consumo” e successive modificazioni che istituiscano sportelli informativi di assistenza ai cittadini nelle scelte economiche di indebitamento, protezione assicurativa, investimento, previdenza ed assumano iniziative di miglioramento qualitativo della relazione fra clientela ed istituti di credito.
4. La Regione, attraverso la società Veneto Sviluppo SpA di cui alla legge regionale 3 maggio 1975, n. 47 “Costituzione della Veneto Sviluppo S.p.A.” e successive modificazioni, predispone ed attua progetti di informazione e formazione per il consolidamento della strutturazione finanziaria ed il miglioramento della qualità del rapporto con gli istituti di credito, rivolti alle piccole e medie imprese.
5. I criteri, le modalità e le procedure per la predisposizione e l’attuazione delle azioni di cui ai commi 1, 3 e 4 sono stabiliti con provvedimenti della Giunta regionale da approvarsi entro novanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge, previo parere delle commissioni consiliari competenti.

Art. 4
Protocollo di intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto.

1. Conformemente all’articolo 1, comma 7 della legge 13 luglio 2015, n. 107, “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, nell’ambito delle politiche regionali in materia di istruzione e formazione, la Regione sostiene progetti scolastici di sperimentazione didattica ed educativa, rivolti alla trasmissione agli studenti delle tematiche economiche, finanziarie e del risparmio.
2. Ai fini di cui al comma 1 la Regione promuove un protocollo d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, che abbia a contenuto l’attivazione, negli istituti scolastici di ogni ordine e grado, di iniziative di istruzione e formazione sui temi dell’economia, della finanza e del risparmio.

Art. 5
Settimana regionale dell’economia e del risparmio.

1. In coincidenza con la “Giornata nazionale dell’economia”, la Regione del Veneto istituisce la “Settimana regionale dell’economia e del risparmio”, al fine di promuovere ed organizzare un calendario di manifestazioni ed iniziative idonee a diffondere l’attenzione verso la conoscenza finanziaria ed economica, fra le diverse categorie sociali del Veneto, particolarmente, fra le nuove generazioni.
2. La Giunta regionale, d’intesa con l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, definisce con propria deliberazione programmi, iniziative e modalità di organizzazione della Settimana regionale dell’economia e del risparmio.

L’editoriale di A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...