Cooperazione Accademica Adriatica accelera con Edi Rama e Confindustria Albania

Il Premier albanese in Italia assieme alla ministra delegata Evis Kushi e ai magnifici Rettori degli atenei del Paese delle Aquile per siglare l’intesa programmatica nella quale il ruolo di associazioni come Confindustria Albania sarà strategico per assicurare il collegamento tra alta formazione e successivo inserimento lavorativo. Sistema accademico italo albanese “Unitus” al mercato del lavoro e al fabbisogno professionale delle prestigiose aziende facenti parte di Confindustria. Questo lunedì il Primo Ministro dell’Albania, Edi Rama, è giunto a Viterbo, nella sede dell’Università della Tuscia, assieme alla Ministra Evis Kushi e ai vertici degli atenei d’oltre Adriatico, al fine di formalizzare l’accordo di cooperazione e collaborazione strutturale con le omologhe Istituzioni italiane, rappresentate dal governo Draghi – nella persona della titolare del dicastero dell’università e della ricerca Maria Cristina Messa – dalla Regione Lazio con l’assessora Alessandra Troncarelli e dal magnifico Rettore dell’università ospitante della Tuscia Stefano Ubertini.

Messaggio promozionale: dal 20 febbraio il nuovo libro di Beppe Ghisolfi sarà in vendita

Obiettivo, favorire l’alta formazione di un certo numero di studenti albanesi attraverso la loro iscrizione ai corsi di laurea tecnologici e manageriali previsti dalla programmazione italiana e laziale, in maniera che successivamente possano trovare una qualificante collocazione nelle aziende facenti parte di Confindustria Albania, l’associazione categoriale che – con il presidente Sergio Fontana e la Direttrice generale Gerta Bilali – ha fortemente voluto questo progetto al quale hanno prontamente aderito sia il governo Rama sia le istituzioni italiane con l’Ambasciatore Fabrizio Bucci e il nostro Ministero a Roma.

La Ministra della Repubblica d’Albania alla pubblica istruzione, Evis Kushi: in Italia sono circa 240.000 gli studenti originari del Paese delle Aquile iscritti ai nostri atenei, pari al 13 per cento del totale delle matricole e dei laureandi provenienti dall’estero

La Ministra Evis Kushi ha citato espressamente Confindustria Albania con parole di alto elogio per la disponibilità del mondo delle imprese a favorire progetti virtuosi di inserimento e tirocinio in entrambi i Paesi.

La Ministra della Repubblica d’Albania alla pubblica istruzione, Evis Kushi: in Italia sono circa 240.000 gli studenti originari del Paese delle Aquile iscritti ai nostri atenei, pari al 13 per cento del totale delle matricole e dei laureandi provenienti dall’estero
Da destra, il presidente di Confindustria Albania Sergio Fontana e la direttrice generale Gerta Bilali

L’accordo intergovernativo permetterà altresì di potenziare gli standards di insegnamento e di apprendimento da parte degli atenei d’Albania, al fine di allinearli alle medie europee e di favorire la riqualificazione del mercato del lavoro nel Paese balcanico nel quadro della strategia giovanile nazionale avviata da Edi Rama con l’insediamento del suo terzo Governo.

L’editoriale di A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...