Caro bollette: dal governo servono almeno altri 5 miliardi per disinnescare la “gelata” sulle Pmi

Da Torino, il presidente provinciale di Confesercenti Giancarlo Banchieri lancia un appello non soltanto al governo nazionale ma anche alle istituzioni territoriali preposte al controllo delle società energetiche locali per ottenere almeno una rateizzazione delle bollette. Lo stesso governo Draghi che – tramite il ministro dell’ambiente e della transizione ecologica Roberto Cingolani – lancia l’allarme sui rincari delle bollette, escludendo di fatto che gli stessi saranno transitori o limitati solo a questo anno, è quello che poi rischia di lasciare a bocca asciutta gli utenti energetici sia domestici che aziendali per il fatto di non volere autorizzare manovre espansive addizionali per coprire gli extracosti in arrivo sugli utilizzatori finali, cioè su tutti noi. Secondo alcune stime, provenienti da fonti della maggioranza governativa, servirebbero almeno altri 5 miliardi per arrivare relativamente incolumi alla fine della stagione invernale e contemporaneamente avere i margini per avviare un serio discorso sulla transizione energetica e sul pieno recupero di quei progetti in grado di aumentare la capacità di approvvigionamento e di autonoma produzione di parte italiana.

Messaggio promozionale: dal 20 febbraio il nuovo libro di Beppe Ghisolfi sarà in vendita

Perché quest’ultimo aspetto sia concretizzabile, occorre tuttavia che il sistema delle imprese non sia travolto da quella che Giancarlo Banchieri, Presidente di Confesercenti Torino, ha definito in maniera ineccepibile la “tempesta perfetta” che si sta abbattendo sulla nostra economia reale.

I ministri Cingolani e Giorgetti, rispettivamente alla transizione ecologica e allo sviluppo economico: a loro competono i provvedimenti di politica industriale ed energetica per disinnescare la minaccia del caro bollette che – per ammissione dello stesso Cingolani – nel 2023 potrebbe in Italia superare lo stesso ammontare dell’intero recovery fund a noi assegnato. Smentendo di fatto le voci in merito a una inflazione solo transitoria

Il Premier Draghi, sebbene smentisca il ricorso a nuovi scostamenti di bilancio (benché gli stessi rimangano tuttora possibili attivando il residuo di piano anti pandemico della BCE), starebbe dietro le quinte lavorando con i partiti della maggioranza parlamentare per trovare una soluzione di bilancio che aiuti a tenere aperto l’ombrello antirincari sino all’arrivo della stagione primaverile quando le strozzature verificatesi nello scorso autunno sul versante dell’offerta hanno fatto sì che la domanda di materie prime e di rifornimenti per riavviare le produzioni post lockdown portasse i prezzi al dettaglio a lievitare in maniera incontrollata.

Il presidente provinciale di Confesercenti Torino, Giancarlo Banchieri: da lui è partita l’interessante proposta di responsabilizzare altresì le società energetiche locali affinché utilizzino gli extra ricavi per finanziare piani straordinari di rateazione delle bollette su famiglie e PMI

Il patto tra galantuomini potrebbe essere il seguente: chiedere a commissione europea e BCE di autorizzare e finanziare lo scostamento, e in via non solo contestuale ma concretamente simultanea avviare una netta accelerazione sul versante delle riforme normative e delle procedure autorizzative per aumentare in maniera sensibile e progressiva i livelli e il tasso di diversificazione degli approvvigionamenti e delle fonti di generazione di energia e di combustibile, potenziando le stazioni di stoccaggio e formulando all’Unione Europea una proposta affinché sia Bruxelles a negoziare vantaggiosamente il prezzo di acquisti massivi di materie prime poi da smistare verso i singoli Paesi aderenti alla Comunità UE.

Per intanto, i territori non restano a guardare e si muovono con ancora maggiore determinazione propositiva, essendo i più coinvolti e investiti dalla valanga tariffaria di cui le prime slavine si sono già manifestate con l’arrivo di bollettini che stanno inducendo più di una attività a conduzione individuale o familiare a valutare quanto meno una sospensione stagionale.

L’esempio della vicina Francia insegna: Draghi potrebbe muoversi come Macron, utilizzando lo strumento della persuasione e il ruolo di azionista strategico e di garanzia dello Stato, all’interno delle società energetiche nazionali Enel ed Eni, per vincolare le stesse a forniture temporanee a prezzi finali calmierati, operazione che oltralpe ha permesso di contenere lo shock degli aumenti in bolletta al 4 per cento, con uno stanziamento totale di 20 miliardi di euro nel bilancio del governo di Parigi. Da noi ne servirebbero dieci in più, di miliardi, poiché il nostro livello di diversificazione è molto meno avanzato.

Il presidente francese Macron, assieme a Sergio Mattarella e Mario Draghi: da oltralpe è arrivato un esempio virtuoso di come sia possibile con la partecipazione azionaria strategica pubblica nelle società energetiche indirizzare temporaneamente la fornitura di elettricità a prezzi calmierati con scostamenti di bilancio tutto sommato contenuti sul totale della spesa corrente

In questo caso però il tempo non è un alleato: il presidente Banchieri rivolge un appello esteso alle istituzioni territoriali e locali che esercitano la governance e le linee di indirizzo strategico e operativo sulle società di public utilities e di servizio pubblico come Iren (che da tempo ha incorporato realtà come la ex Aem, l’azienda elettrica municipale di Torino), affinché utilizzino una parte dei propri ricavi e dell’extragettito più recente per accordare una rateizzazione delle bollette dovute da famiglie e piccole imprese, in alternativa al rischio – tragicamente più che concreto – che aumentino a dismisura i casi di insolvenza e di morosità incolpevole e di cessazione o fallimento di aziende, con perdite nette sia per enti come Iren, sia per il tessuto socio economico provinciale.

La Ministra del governo Rama con delega all’energia, la socialista Belinda Balluku: assieme al Primo Ministro, ha introdotto con efficacia immediata una strategia analoga a quella del governo francese e con la quale è stato possibile impedire i rincari su cittadini e piccolo business, oltre che assicurare una solidarietà energetica ai Paesi vicini

Una recente indagine ha evidenziato che Torino è la terza capitale d’Italia in fatto di livello di multe inflitte ai propri cittadini, e la pioggia dei rincari rischia – se il Comune e le società partecipate alzeranno le spalle in segno di resa – di farla ancora salire su questo triste podio. Soprattutto e in misura ineluttabile se per fare fronte agli aumenti – che colpiranno anche gli immobili municipali dei Comuni di tutta Italia per il mantenimento di luce e gas – si decidesse di coprire gli stessi con le famigerate addizionali tributarie. Al che Draghi sarebbe obbligato a mettere mano a un decreto che in via temporanea blocchi in parallelo le eventuali manovre in aumento sulla fiscalità decentrata.

L’editoriale di A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...