Comunali alle porte anche oltre Adriatico: la politica punta sul colore rosa

Il Partito Socialista del Premier Edi Rama, per le consultazioni popolari amministrative del 6 marzo, che riguardano una sestina di municipalità, nei due Comuni più importanti, Scutari e Durazzo, affida la corsa alla conquista della fascia da Sindaco a due validissime dirigenti pubbliche: Majlinda Angoni ed Emiriana Sako. Soffia vento di elezioni comunali anche oltre Adriatico, a conferma delle dinamiche per alcuni aspetti parallele tra Italia e Albania altresì per quello che concerne le scadenze e gli appuntamenti Istituzionali e politico elettivi. Mentre a livello nazionale il quadro costituzionale e governativo è stato puntellato dalla terza vittoria consecutiva del partito Socialista di Edi Rama il 25 aprile 2021, spianando la strada a un governo elogiato sul piano europeo per la rilevanza numerica e qualitativa della delegazione ministeriale femminile che ne fa parte, sotto l’aspetto comunale le scadenze per il ritorno dei cittadini alle urne si svolgeranno tra il prossimo 6 marzo – nei primi 6 municipi – e la primavera del 2023 nella generalità degli enti locali cittadini.

Messaggio promozionale: a febbraio esce il nuovo libro di Beppe Ghisolfi

Tra i territori chiamati al voto diretto tra poco più di un mese, come stabilito da un decreto del Presidente della Repubblica d’Albania, vengono in evidenza due tra le città in assoluto più importanti del Paese e della complessiva macro regione balcanica occidentale.
Si tratta di Scutari, riferimento principale dell’Albania settentrionale e di una vasta area che abbraccia mare Adriatico, Montenegro, Kosovo e Macedonia del Nord; e di Durazzo, simbolo della caduta della dittatura comunista nel 1991, della prima grande migrazione della speranza dai Balcani verso l’Italia e la Comunità europea e attualmente punta di diamante della portualità mercantile e sempre di più turistica in arrivo e in transito per la via marittima e in provenienza dal nostro Paese così come dai Balcani del Nord.

La Ministra Bilali con la dottoressa Majlinda Angoni, attuale Prefetto del governo e candidata Socialista alla carica di Sindaco per il Comune di Scutari

Per entrambe le città, il partito socialista ha optato di affidare la conquista della fascia bicolore, rossonera come i colori della bandiera nazionale, ad altrettante molto stimate dirigenti e amministratrici pubbliche: per Scutari, l’attuale prefetto regionale Majlinda Angoni, sostenuta direttamente dalla Ministra Edona Bilali nativa di tale città chiamata al ruolo di snodo decisivo tra Unione Europea e parte centro orientale del continente, oltre che all’interno stesso della regione balcanica grazie alle crescenti progettazioni e realizzazioni infrastrutturali in atto e alla vocazione storico turistica di Venezia dei Balcani; per Durazzo, l’attuale prima cittadina uscente Emiriana Sako, che negli ultimi mesi ha gestito assieme al governo centrale la ricostruzione post sismica di interi quartieri danneggiati dal terribile terremoto del 2019 e nel prossimo quadriennio sarà chiamata, con la ministra ai lavori pubblici Belinda Balluku, a preordinare la straordinaria trasformazione urbanistica connessa al cantiere epocale della riqualificazione del Porto da parte degli Emirati Arabi Uniti.

Emiriana Sako, sindaca uscente di Durazzo che il partito di Edi Rama ha riconfermato per la corsa alla guida del Comune marittimo e portuale strategico

Durazzo, le cui origini mercantili la collegano saldamente al nostro Paese, è altresì il biglietto d’entrata via mare in Albania in provenienza da Italia e Unione Europea.

L’editoriale di A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...