Talenti uniti, anzi unitus: Confindustria e ateneo della Tuscia a sostegno dei migliori studenti albanesi

Evento online il 20 gennaio, organizzato in sinergia con l’Ambasciata d’Italia a Tirana e con il Ministero dell’istruzione del governo Rama, per presentare il pacchetto delle borse di studio destinate ai 5 migliori studenti albanesi ai quali sarà riconosciuta la possibilità di iscriversi ai corsi triennali presso l’ateneo con sede a Viterbo. Da Tirana a Viterbo con successivo ritorno in Albania, per consentire una cooperazione binazionale utile a favorire esperienze accademiche estere utilizzabili nel Paese di origine. La regia di questa bella iniziativa è realizzata da Confindustria Albania, in tandem con la prestigiosa università della Tuscia – ateneo con sede a Viterbo – e in sinergia con l’Ambasciata d’Italia a Tirana e con il ministero dell’istruzione del governo Rama.
La cooperazione binazionale con l’Italia, nel campo didattico e accademico, è una cifra costante dell’impegno interistituzionale, e nonostante l’emergenza pandemica si cerca di consentire una certa continuità nella mobilità tra i due Paesi.

Il magnifico rettore Stefano Ubertini e il presidente di Confindustria Albania Sergio Fontana

Così, in data 20 gennaio, con modalità zoom si svolgerà, a partire dalle 15, l’avvenimento di presentazione di un pacchetto di 5 borse di studio destinate ad altrettanti studenti maturandi delle sezioni bilingue delle scuole superiori d’Albania. L’obiettivo è quello di contribuire economicamente all’alta formazione dei ragazzi e ragazze così selezionati, attraverso un percorso di iscrizione ai corsi di laurea triennale gestiti dall’università della Tuscia. Successivamente, i giovani faranno rientro nel Paese delle Aquile per mettere a frutto il patrimonio conoscitivo, così acquisito, all’interno di percorsi professionalizzanti in aziende designate dalla stessa Confindustria Albania.

L’Ambasciatore italiano Fabrizio Bucci e la Ministra all’Istruzione del governo Rama, Evis Kushi

Consolidando così, in chiave ulteriormente specialistica, quella tendenza che vede un numero crescente di cittadini, anche adulti, i quali decidono di fare rientro nella Nazione adriatica, dopo un periodo più o meno lungo di studio e di lavoro trascorso in terra Italiana.
Un antidoto insomma sia alla delocalizzazione produttiva, fine a se stessa, sia alla migrazione intellettuale di sola andata, che finiscono con il penalizzare ambo i fronti. Gli interventi introduttivi e di saluto saranno svolti dal magnifico rettore Stefano Ubertini, dal ministro dell’istruzione della Repubblica d’Albania Evis Kushi, dal nostro Ambasciatore Fabrizio Bucci e dal Presidente di Confindustria Albania Sergio Fontana.

Seguiranno gli interventi dei delegati alle relazioni internazionali e ai rapporti con le Imprese, rispettivamente i professori Simone Severini e Giuseppe Calabrò, i quali illustreranno altresì l’offerta formativa e corsuale erogata dalla blasonata istituzione accademica con sede nella regione Lazio e che consta di ben 19 corsi per il conseguimento di titoli di laurea a carattere triennale.

A.Z

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...